20141004_175302

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione Beh, la serietà della Costituzione mi impone di mantenere un certo contegno anche se… in Italia, soprattutto di questi tempi, poca attenzione viene data sia allo sviluppo della cultura che alla…

20141004_172727

Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze. L’art. 8 sancisce il principio…

20141004_171455

Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani. I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale. Ai tempi dello Statuto Albertino l’Italia era uno Stato confessionale. Ciò significa che esisteva un’unica religione di Stato: quella cattolica. La…

20141004_175401

La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche. Questo articolo, che sancisce l’uguaglianza nelle diversità, potremmo considerarlo come l’altra parte, rispetto all’art. 3 , della stessa medaglia (la Costituzione). Questo perchè: mentre nell’art. 3 la libertà linguistica è tutelata in senso negativo (sono vietate le discriminazioni), nell’art. 6 la garanzia avviene in forma positiva…

20141004_172531

La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento. Principio di unità ed indivisibilità della Repubblica. C’è stato chi ci ha provato ma la nostra Costituzione…

20141004_171427

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società. Il diritto al lavoro. Forse per qualcuno…

20141004_175302

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il…

CAM01020

E’ italiana. Ha 67 anni ma sembra nata ieri. Racchiude in sè il meglio del nostro Paese e senza di Lei non ci sarebbero nè diritti nè giustizia nè pace. Noberto Bobbio (1) nel 1990 così bene spiegava ‘… Diritti dell’uomo, democrazia e pace sono tre momenti necessari dello stesso movimento storico: senza diritti dell’uomo riconosciuti…

20141004_161557

La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. Principio personalista. La Repubblica ‘riconosce’ prima di garantire i diritti dell’uomo. Ebbene sì: perchè i principi della nostra Magna Charta sono…

20141004_161618

L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. Principio lavorista. La democrazia potremmo definirla come il potere del popolo sul popolo, come insegnava Bobbio. Essa rappresenta contemporaneamente il fine ultimo della Costituzione nonchè lo strumento dello Stato di diritto per realizzare…

© 2014 Avv. Samantha Mendicino - powered by WEBARTSDESIGN

logo-footer

SEGUIMI SU: