IMG-20140509-WA0024

Se il condomino si è distaccato dall’impianto comune non deve versare le spese di gestione ma solo quelle di conservazione del bene condominiale

 

Neppure il regolamento condominiale può imporre un contributo alle spese di gestione dell’impianto al singolo proprietario che intende staccarsi dal riscaldamento centralizzato.

Secondo la giurisprudenza della Cassazione, infatti, il condomino che vuole diventare “autonomo” deve partecipare soltanto alle spese di conservazione dell’impianto e alla sua eventuale messa a norma.

Non, invece, alle spese di gestione che rientrano nella manutenzione ordinaria.

Gli unici casi in cui si applica l’opposta regola, ossia la partecipazione anche alle spese ordinarie, sono:

– l’ipotesi in cui, proprio a causa del distacco del singolo, l’impianto comune subisca dei pregiudizi;

– l’ipotesi in cui ci sia la decisione unanime dei condomini.

(Cass. Civ., sent. n. 9526/2014; Cass. Civ., sent. n. 19893/2011)

Stampa questa notizia Stampa questa notizia

© 2014 Avv. Samantha Mendicino - powered by WEBARTSDESIGN

logo-footer

SEGUIMI SU: